Liceo Classico Virgilio

Ricordiamo la Shoah

Print Friendly, PDF & Email

RICORDIAMO LA SHOAH 

programma giornata memoriaGIORNATA DELLA MEMORIA

 

Il giorno 27 gennaio presso l’Auditorium comunale “R. Lanzetta”, in collaborazione con l’Istituto omnicomprensivo “G. Libetta “ di Peschici, si è svolta la prima delle iniziative programmate dal nostro istituto nell’ambito del progetto “Ricordiamo la Shoah” . I giovani si  sono messi in viaggio nella storia e nella memoria attraverso testimonianze, scritti e riflessioni. Tante le attività programmate, alcune già svolte e altre  ancora da espletare, con l’ obiettivo   comune quello di  accompagnare le giovani generazioni alla comprensione  del passato per vivere consapevolmente il presente .

 

 

 

memoriam20

 

 

 

 

 

  

memoria3m21   

 

 

foto con ragazziTreno della memoria 2017

‘’Meditate che questo è stato’’ (P. Levi)

 

Ancora una volta il nostro istituto ha  consentito agli studenti di vivere un’importante esperienza formativa e di riflessione storico-culturale sul  XX secolo, di ricordare la shoah, le leggi razziali,la deportazione e lo sterminio degli ebrei . I ragazzi hanno percorso i luoghi dove i diritti umani sono stati calpestati, la persona annientata, la dignità oltraggiata. Hanno visto e considerato l’orrore e il lato oscuro e terribile della modernità ma anche avviato un confronto sull’attualità della discriminazione, sulla necessità di contrastare ogni forma di intolleranza e combattere la cultura dell’odio per costruire percorsi di pace e di cooperazione.

Alcune tappe del percorso

 

 

Ausch collagecollage

collage sina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL TRENO DELLA MEMORIA 2016

 “Se capire è impossibile, conoscere è necessario.” (Primo Levi)

IMG_5639 Cos’è il Treno della Memoria? Un percorso interiore, un pellegrinaggio laico, volutamente difficile, che ha portato gli alunni delle classi quinte a momenti intensi, pregni di emozioni contrastanti, di riflessione, di sguardi persi nel vuoto.  Sono stati ad Auschwitz-Birkenau, Terezine, hanno visitato il Ghetto di Cracovia e il campo di Fossoli, oltre che Lidice e la Fabbrica di Schindler. Al rientro i ragazzi hanno commentato ”Abbiamo toccato con mano la più radicale disumanizzazione della storia dell’uomo e per questo non riusciamo ad esprimere pienamente ciò che abbiamo provato nel vedere quei posti. Conoscere e ricordare sono il primo passo per radicare se stessi nella società e per diventare cittadini del mondo”.

    IMG_5612           IMG_5652